Ricerca

Verso un futuro sostenibile

Data Centers of the future are here

La sfida dei data center
20/3/2024
Written by
Share:

I data center rappresentano il cuore pulsante delle infrastrutture IT moderne, ospitando un’ampia quantità di hardware informatico essenziale per il trattamento e la gestione dei dati su larga scala. Queste strutture sono cruciali non solo per il funzionamento delle aziende e organizzazioni ma anche per il sostentamento di servizi internet vitali, abilitando una varietà di operazioni digitali che vanno dall’hosting di siti web e applicazioni cloud alla gestione di database e servizi di elaborazione dati.

Come evidenziato nell’EED, il settore è in fortissima crescita ed è cruciale che tale crescita sia orientata all’efficienza e alla sostenibilità.

In risposta a queste sfide, emerge la necessità di progettare data center sostenibili ed efficienti che riducano l’impronta ecologica e affrontino le problematiche legate all’emergenza climatica.

La progettazione dei data center moderni si articola prevalentemente su due approcci:

• la realizzazione di campus dedicati, che possono variare in dimensione e altezza, puntando all'ottimizzazione dello spazio attorno a moduli edilizi specificamente progettati per questo scopo;

• la riqualificazione di strutture esistenti per inserirvi i centri dati, una sfida che coinvolge anche il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Entrambi gli approcci richiedono un’alta flessibilità progettuale e l'adozione di strategie come l'installazione modulare e il rispetto dei criteri di ridondanza, affrontando contestualmente la necessità di certificazioni di elevato livello (es. Uptime TIER IV, ANSI TIA 942 Rated 4, LEED Gold) e mantenendo bassi valori di PUE (Power Usage Effectiveness).

La valorizzazione degli edifici esistenti, attraverso il recupero degli spazi impiantistici del processo produttivo precedente, rappresenta un'opportunità unica di bilanciare sostenibilità ed efficienza.

Le sfide della riqualificazione includono l'ottimizzazione degli spazi e il consolidamento strutturale senza compromettere la performance energetica e operativa dei data center. Questo comporta la progettazione su misura di soluzioni impiantistiche e di raffreddamento, così come la gestione intelligente delle ridondanze per evitare il semplice raddoppio delle infrastrutture.

La misura della sostenibilità si estende oltre il risparmio energetico, abbracciando l'intero ciclo di vita del data center, dalla gestione dei rifiuti e del risparmio idrico all'uso di materiali sostenibili e alla qualità dell'aria interna (IAQ), fino all'adozione di energia 100% rinnovabile.

L'adeguamento del data center all'evoluzione del clima e all'incremento delle esigenze operative passa attraverso un attento studio delle condizioni estreme (tramite l’uso di dati storici). Per quanto riguarda l’interazione tra le apparecchiature diventa fondamentale eseguire analisi di Fluidodinamica computazionale (CFD). Ricorrendo alle piattaforme di Climate Risk Assessment si possono fare verifiche sul rischio idrologico e sull’eventuale uso efficiente dell'acqua per la condensazione. Il raffreddamento a liquido degli apparati IT potrà avere un ruolo chiave nella riduzione dei consumi dovuti al raffrescamento. Questi interventi mirano a garantire non solo un'elevata efficienza energetica ma anche una minore incidenza sul contesto climatico locale.

L'integrazione di queste nuove informazioni nel discorso sui data center evidenzia la complessità e l'importanza della progettazione e gestione di tali strutture nel contesto attuale, sottolineando l'impegno verso soluzioni che conciliano innovazione tecnologica e responsabilità ambientale.

Written By
March 20, 2024
Attualità
Written by
Share:
March 20, 2024

Verso un futuro sostenibile

I data center rappresentano il cuore pulsante delle infrastrutture IT moderne, ospitando un’ampia quantità di hardware informatico essenziale per il trattamento e la gestione dei dati su larga scala. Queste strutture sono cruciali non solo per il funzionamento delle aziende e organizzazioni ma anche per il sostentamento di servizi internet vitali, abilitando una varietà di operazioni digitali che vanno dall’hosting di siti web e applicazioni cloud alla gestione di database e servizi di elaborazione dati.

Come evidenziato nell’EED, il settore è in fortissima crescita ed è cruciale che tale crescita sia orientata all’efficienza e alla sostenibilità.

In risposta a queste sfide, emerge la necessità di progettare data center sostenibili ed efficienti che riducano l’impronta ecologica e affrontino le problematiche legate all’emergenza climatica.

La progettazione dei data center moderni si articola prevalentemente su due approcci:

• la realizzazione di campus dedicati, che possono variare in dimensione e altezza, puntando all'ottimizzazione dello spazio attorno a moduli edilizi specificamente progettati per questo scopo;

• la riqualificazione di strutture esistenti per inserirvi i centri dati, una sfida che coinvolge anche il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Entrambi gli approcci richiedono un’alta flessibilità progettuale e l'adozione di strategie come l'installazione modulare e il rispetto dei criteri di ridondanza, affrontando contestualmente la necessità di certificazioni di elevato livello (es. Uptime TIER IV, ANSI TIA 942 Rated 4, LEED Gold) e mantenendo bassi valori di PUE (Power Usage Effectiveness).

La valorizzazione degli edifici esistenti, attraverso il recupero degli spazi impiantistici del processo produttivo precedente, rappresenta un'opportunità unica di bilanciare sostenibilità ed efficienza.

Le sfide della riqualificazione includono l'ottimizzazione degli spazi e il consolidamento strutturale senza compromettere la performance energetica e operativa dei data center. Questo comporta la progettazione su misura di soluzioni impiantistiche e di raffreddamento, così come la gestione intelligente delle ridondanze per evitare il semplice raddoppio delle infrastrutture.

La misura della sostenibilità si estende oltre il risparmio energetico, abbracciando l'intero ciclo di vita del data center, dalla gestione dei rifiuti e del risparmio idrico all'uso di materiali sostenibili e alla qualità dell'aria interna (IAQ), fino all'adozione di energia 100% rinnovabile.

L'adeguamento del data center all'evoluzione del clima e all'incremento delle esigenze operative passa attraverso un attento studio delle condizioni estreme (tramite l’uso di dati storici). Per quanto riguarda l’interazione tra le apparecchiature diventa fondamentale eseguire analisi di Fluidodinamica computazionale (CFD). Ricorrendo alle piattaforme di Climate Risk Assessment si possono fare verifiche sul rischio idrologico e sull’eventuale uso efficiente dell'acqua per la condensazione. Il raffreddamento a liquido degli apparati IT potrà avere un ruolo chiave nella riduzione dei consumi dovuti al raffrescamento. Questi interventi mirano a garantire non solo un'elevata efficienza energetica ma anche una minore incidenza sul contesto climatico locale.

L'integrazione di queste nuove informazioni nel discorso sui data center evidenzia la complessità e l'importanza della progettazione e gestione di tali strutture nel contesto attuale, sottolineando l'impegno verso soluzioni che conciliano innovazione tecnologica e responsabilità ambientale.

Leggi l’articolo
March 20, 2024
Attualità
Written by
Share:
Do you want to read it in English?
Switch to English
Vuoi leggerlo in italiano?
Cambia in Italiano
La bellezza è una scoperta, non un'invenzione.