Magazine by

L'arte della sostenibilità

Si conclude la seconda tappa della mostra
Written by
Share:

Crediamo che l’arte e la cultura rendano l’ambiente spiazzante, fonte di sorpresa, d’ispirazione, di dialogo con la comunità. Ci ricordano che non siamo soli, che c’è sempre qualcuno più avanti di noi, che vede le cose in modo ancora diverso. 

È in questo percorso che l’arte diventa per noi indice di sostenibilità in un senso più ampio: non solo ambientale ed economica - naturalmente fondamentali per una società di progettazione che si assume la responsabilità di migliorare l’impatto degli edifici sull’ambiente - ma anche una sostenibilità sociale e culturale.

Un’accezione allargata in cui la sostenibilità è il valore sottotraccia di ogni nostro progetto, l’impegno concreto dichiarato con fermezza attraverso il nostro metodo progettuale, il nostro essere presenti e attivi sul territorio, l’attenzione ai giovani. È anche nei loro confronti che l’arte gioca un ruolo importante: se non entrano nei luoghi dell’arte, facciamo entrare l’arte ed i suoi autori nei luoghi in cui lavorano, stimolando processi inattesi, innescando “conflitti positivi”, scintille e interazioni arricchenti.

L’arte ispirava e arricchiva “da dentro” l’esperienza lavorativa dei professionisti. Un inizio che ha posizionato da subito la società su una linea di pensiero trasversale, contaminata da discipline diverse, in cui l’arte gioca un ruolo importante di stimolo e sfida. 

half
Marco La Rosa - In Potenza 3
half
‍Marco Cordero - Battere piano

Arte e cultura sono sempre state tra i nostri valori, ogni anno ospitiamo opere e artisti internazionali che danno un volto nuovo allo spazio in cui lavoriamo.

Nel mese di ottobre abbiamo accolto nei nostri spazi la mostra "L'arte della sostenibilità" promossa da Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale. La collettiva è composta dalle opere straordinarie di Afran, Francesco Arecco, Maria Rebecca Ballestra, Marco Cordero, Caterina Crepax, Iuccia Discalzi Lombardo, Raffaella Formenti, Marco La Rosa, Mirco Marchelli, Ezio Minetti, Lucia Pescador, Daniele Salvalai, Setsuko, Giovanni Soldi, Valdi Spagnulo, Arlette Vermeiren.

L'esposizione si concluderà giovedì 9 novembre con una conversazione tra Franco Guidi, CEO di Lombardini22, Francesco Arecco, Artista visivo / Avvocato in tema green e Giacomo Ghidelli, Fondatore di Koinètica su arte e sostenibilità.

half
Iuccia Discalzi Lombardo - Sogno nella rete
half
‍Caterina Crepax - Sott’acqua di carta

I nostri spazi sono solo la seconda tappa della mostra che ha inaugurato il 3 ottobre in Bocconi al Salone della CSR e della Sostenibilità con quattro installazioni (di Francesco Arecco, Marco Cordero, Caterina Crepax e Arlette Vermerein) e proseguirà al Festival for the Earth: Art and Science for a Sustainable Future a Montecarlo.

 

November 2, 2017
Cosa sta Succedendo?
Written by
Share:
Meno creatori, più compositori: noi architetti e ingegneri possiamo integrare competenze, armonizzando la nostra melodia con nuove scienze e tecnologie.