Magazine by

Surfare l'onda della rigenerazione urbana

Una collaborazione fluida e proficua tra pubblico e privato
Written by
Share:

Milano si presenta a MIPIM in modo integrato, con i suoi cambiamenti, i suoi nuovi progetti, il suo futuro. Milano sta cambiando e Lombardini22 è parte di questo processo, attiva sul territorio con il proprio pensiero strategico, pronta ad assecondarne e accoglierne lo sviluppo.


Si parla di rigenerazione urbana come somma di elementi, di layer, interventi singoli che vanno a rigenerare l'intero sistema. Il capitale investito nello sviluppo della città oggi è per il 70% straniero e 30% italiano, ed è aumentato per valore assoluto. Questo significa che Milano cresce, è attrattiva, e traina l'Italia insieme alla Regione Lombardia. In questa direzione è sempre più importante operare a servizio della crescita, semplificando i processi nella chiarezza delle norme.

Lombardini22 è pronta, con la sua filosofia "Ready to Innovate”: una realtà grande e strutturata, un laboratorio di eccellenze che sviluppa nuovi sistemi a supporto di operatori internazionali, integrando esperienza, discipline, tecnologia in ogni campo della progettazione architettonica e ingegneristica.

Come le persone cambiano le città

Il presidente di Lombardini22 Paolo Facchini oggi è intervenuto alla conferenza "Prosperous future of cities with people's participation" organizzata da FIABCI per parlare di rigenerazione urbana. La sua riflessione parte da una lettura etnografica delle migrazioni: muove fasce della popolazione si spostano in determinate aree urbane che offrono servizi adeguati alle loro necessità.

Dal social housing e cohousing: cresce la domanda di spazi a misura delle nuove generazioni che ricercano uno standard qualitativo dignitoso e servizi condivisi accessibili. Con la domanda cambia anche l'offerta del mercato, che struttura i nuovi complessi residenziali sul modello microliving: la percentuale di monolocali e bilocali sovrasta i tri/quadrilocali per spazi abitativi dedicati a single, millenials o trasferte di lavoro.

Di conseguenza le intere città devono adeguarsi ai flussi, sviluppare tenendo conto delle generazioni future e delle loro esigenze. Le città si devono reinventare, rinnovarsi al cambiare delle esigenze, rigenerando spazi vuoti e aree dismesse, progettando soluzioni in grado di avere impatto sull'intero quartiere.

Paolo Facchini al FIABCI


La rigenerazione urbana a Londra

Nel mondo c'è movimento, nascono onde, bisogna capire quale surfare (cit. Alessandro Adamo). Si sente profumo di opportunità, di business: dall'Africa alla Turchia, da Mosca a Parigi, fino a Londra, dove abbiamo esplorato da vicino il progetto di sviluppo Nine Elms.
Un sistema che corre lungo il lato sud del Tamigi  tra Battersea e Vauxhall, e rappresenta la più grande zona di rigenerazione nel centro di Londra. Questa posizione privilegiata ha attratto miliardi di sterline di investimenti nel settore privato e comprende un piano di rigenerazione territoriale che sta trasformando l'area in un organismo straordinario. Nine Elms si evolve rapidamente e fiorirà in un nuovo quartiere residenziale e commerciale, dotato di un centro per l’arte, uffici e un polo di intrattenimento food.


March 13, 2018
Cosa sta Succedendo?
Written by
Share:
Dobbiamo progettare in modo innovativo, per poterci voltare e vedere scenari futuri.