Magazine by

Spazio Necessario

30/3/2017
Written by
Share:

“Lombardini22, il nuovo indirizzo dell'architettura italiana”. Era l'inizio dell'anno 2007. 10 anni dopo ribadiamo il concetto. Anzi, rilanciamo. L’indirizzo è lo stesso, ma raddoppia lo spazio."

Si è generata l'esigenza di avere più spazio, come dice il Presidente.

Abbiamo vissuto una crescita entusiasmante in questi ultimi 2 anni, in cui abbiamo quasi raddoppiato il fatturato e siamo diventati il doppio noi.
Abbiamo cavalcato la crescita scegliendo sempre di rimanere insieme, gomito a gomito, sotto lo stesso tetto. Perché crediamo che sia la collaborazione, la co-creazione, la ricchezza delle relazioni, ad aggiungere valore al nostro lavoro. Così si è creato un gruppo inclusivo e aperto, esperto e ingenuo, che genera energia, intelligenza collettiva, fascino, curiosità. Il gruppo funziona, è attrattivo per natura, le persone si avvicinano, si uniscono.

Da domani avremo più spazio.

Lo spazio fisico in cui il gruppo lavora insieme- privilegiato rispetto a quello virtuale - è da sempre il carattere forte della nostra identità: ambienti frugali, scatole bianche, da abitare e vivere. Siamo noi a riempirle. Spazio necessario alla crescita. Da un lato per il coinvolgimento di giovani talenti entusiasti sui business in cui siamo forti, di cui possiamo trasmettere e insegnare tanto. Dall’altro perl'inserimento di professionisti d'eccellenza nei business dove oggi non siamo, ma in cui vogliamo essere presenti e all’altezza della nostra reputazione.

Spazio necessario alle personalità e alla loro espressività, alla nostra architettura multiautoriale, alle soluzioni creative in ingegneria, alla revisione continua dei processi imposta dalla digitalizzazione. In Lombardini22 ci sono 7 soci, tanti senior, tanti junior. Ognuno,a partire dai Partner, ha una personalità diversa, forte e creativa, con linguaggi e pensieri differenti: è ricchezza, nata da valori comuni e da una visione condivisa. Le personalità ricche hanno bisogno di spazio per svilupparsi: noi parliamo di “cantera”, di vivaio e come nel vivaio ogni tanto bisogna allargare, dare spazio alla crescita.

Spazio necessario ai giovani, che oggi cercano una comunità larga, aperta, che li lasci liberi di entrare, curiosare, capire, appassionarsi,sceglierla, oppure cercarne un'altra. In Lombardini22 vogliamo proporre un ambiente più simile a quello universitario, dove è possibile assaggiare diverse specialità, farne esperienza, per poi specializzarsi. La differenza? Lo specialista è inserito, partecipe e attivo, nella globalità del processo. Vogliamo essere una scuola che li rafforza sui valori fondamentali, applicati trasversalmente in tutte le discipline: trasparenza e rispetto; lavoro in team; rapporto con il cliente;curiosità, ricerca del meglio e qualità; essere a servizio, d'aiuto. Tutto questo è espresso e reso visibile dallo spazio fisico.

Spazio necessario all'innovazione, a tutto ciò che ci permetterà di continuare a essere competitivi sul mercato, offrendo nuovi servizi e migliorandola qualità di quello che facciamo oggi. Per integrare le fasi di progettazione, costruzione e gestione e far funzionare al meglio i progetti per il nostro cliente, e naturalmente per far funzionare al meglio i nostri processi di progettazione,integrando le discipline presenti nel gruppo.

Spazio necessario alla cultura e all'arte, per ricordarci che non siamo soli, che c’è sempre qualcuno più avanti di noi, che vede le cose in modo ancora diverso. Cultura e arte che vogliamo integrare nella nostra vita quotidiana, che rende l'ambiente in cui lavoriamo a volte spiazzante ma sempre fonte di sorpresa, di ispirazione, di dialogo con la comunità che ci circonda.

Spazio necessario all'internazionalizzazione: il nostro modello non consiste nell'aprire nuove sedi, ma portare culture diverse dentro di noi, per trasmettere il nostro stile nel modo più autentico e significativo possibile. Un giorno, in modi diversi, i semi gettati ritorneranno in terra straniera come ambasciatori del modello appreso:italiano, autentico, fatto di qualità e radici. Il sogno a lungo termine è diventare una grande società di progettazione internazionale nata eradicata in Italia.

Ma per questo abbiamo bisogno di un po’ di tempo, magari ne riparliamo fra una decina d’anni.

March 30, 2017
Written by
Share:
Meno creatori, più compositori: noi architetti e ingegneri possiamo integrare competenze, armonizzando la nostra melodia con nuove scienze e tecnologie.